• 03/10/2022

BresciaDomani

News quotidiane Economico Finanziarie

Assicurazioni, Ivass stana 153mila polizze vita non pagate

DiPaolo

Apr 9, 2018
Frode assicurazioni

Frode assicurazioni

Aveva in precedenza avvisato che c’era qualcosa di molto serio in ballo e questo qualcosa è spuntato fuori: l’Ivass, istituto di vigilanza sulle assicurazioni, ha scoperto che ci sono circa 153 mila polizze vita intestate a persone defunte e non pagate dalle compagnie. Questa scoperta è stata fatta grazie all’incrocio dei dati che sono in possesso dell’Anagrafe Tributaria.

Come si è svolta questa indagine? Grazie alla collaborazione di 48 agenzie italiane e 4 estere. Sono state vagliate sia le polizze senza scadenza contrattuale e sia quelle con scadenza compresa tra il 2007 e il 2016. Data l’impossibilità delle agenzie di controllare se l’assicurato era deceduto o meno, l’Ivass e l’Agenzia delle Entrate hanno incrociato circa 6,9 milioni di codici fiscali.

Le varie compagnie adesso dovranno verificare se l’assicurato sia morto prima o dopo la cessazione del contratto assicurativo; se questo decesso è avvenuto al di là del periodo di copertura della polizza, allora non è previsto il pagamento del capitale indicato nella polizza. Nel caso in cui invece il diritto esiste, le compagnie saranno costrette a rintracciare i beneficiari della stessa.

L’Ivass, entro l’11 giugno, dovrà essere informata su quante delle 153 mila polizze risultano da pagare o già saldate. Se si considera che a gennaio, in un piccolo incrocio di dati, sono saltate fuori circa 15 mila polizze appartenenti a sconosciuti beneficiari e del valore complessivo di 1,5 miliardi di euro, la cifra l’11 giugno potrebbe essere realmente consistente.

300x250

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.