Brescia, dal 15 aprono centri estivi, ma con precauzioni

Riaprono centri estivi

Dal 15 giugno a Brescia e provincia riaprono i centri estivi per i ragazzi ed i bambini. Con un sacco di precauzioni, come mascherina obbligatoria per bambini dai 6 anni, misurazione della temperatura, tante attività all’aperto. 

Misure precauzionali in un contesto, come quello italiano, dove contagi fra bambini sono stati riscontati comunque in pochissimi casi e dove i bambini, fra scuole e asili chiusi e parchi giochi con il nastro rosso, continuano a pagare un prezzo esageratamente alto. 

Vogliamo accogliere l’invito delle famiglie in questo momento di emergenza che ha privato i bambini e i ragazzi di tutti i servizi educativi e scolastici” spiega l’assessore all’Istruzione Fabio Capra. 

Il tema della responsabilità sanitaria 

Gli enti che gestiscono i centri estivi dovranno predisporre una informativa adeguata per genitori, operatori, e minori sulla prevenzione del contagio e i genitori firmeranno un ‘patto’ per la gestione dei servizi. 

Sarà prevista “una approfondita pulizia giornaliera degli ambienti con detergente neutro e disinfezione, con particolare attenzione alle superfici toccate più frequentemente e ai servizi igienici”. Il vero problema resta il nodo della responsabilità sanitaria in caso di contagi. 

“Secondo la normativa regionale noi come Comune dovremmo autorizzare i progetti degli altri enti gestori dei centri estivi, come privati, oratori. Noi non abbiamo la competenza sanitaria per approvare una cosa così delicata. Per i nostri, potremmo anche prenderci la responsabilità. Per gli altri vogliamo che la Regione specifichi bene cosa comporta questa autorizzazione. Se è solo una presa d’atto, va bene. Altrimenti, non intendiamo autorizzare niente, perché non abbiamo le competenze sanitarie” continua Capra. 

300x250

Recommended For You

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *