Istat: disoccupazione stabile, ma più occupati tra i giovani

I dati sul lavoro di gennaio 2017 segnano un buon andamento dell’occupazione: più lavoro per ultracinquantenni e giovani.

disoccupazione-in-caloA gennaio gli occupati crescono di 30.000 unità rispetto al mese di dicembre e di 236.000 unità rispetto a dicembre 2016 (rispettivamente +0.1% e +1%). Lo rileva l’Istat, spiegando che l’aumento su base mensile riguarda prevalentemente gli uomini e si concentra soprattutto tra gli ultracinquantenni.

Il tasso di occupazione nella fascia di età compresa fra i 15 e i 64 anni è del 57.5% (+0.1% rispetto a dicembre), il livello più alto registrato da maggio 2009 quando la percentuale degli occupati era pari al 57.7%.

A gennaio però crescono anche i disoccupati (+2.000 su base mensile, +126.000 su base annua). Un dato apparentemente contraddittorio, ma che in realtà si spiega con la diminuzione degli inattivi che, nella fascia di età compresa fra i 15 e i 64 anni, scendono di 42.000 unità sul mese e di 461.000 sull’anno.

In tutto ciò, il tasso di disoccupazione a gennaio rimane stabile all’11.9%. L’Istituto di statistica spiega che a gennaio le persone in cerca di occupazione erano 3.097.000, cioè 2.000 in più rispetto a dicembre e di 126.000 unità in più rispetto a un anno prima.

Per quanto riguarda la disoccupazione giovanile, invece, il dato è in lento miglioramento: il tasso di disoccupazione tra i più giovani scende dal 39.2% di dicembre al 37.9% di gennaio 2017, cioè di 1.3 punti percentuali. L’Istituto sottolinea però che in questo calcolo non sono compresi gli inattivi, cioè coloro che non hanno né cercano un posto di lavoro.

300x250

Leave a Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi