Lavoro, occupazione record nel mese di aprile

Lavoro entro il 2020

Alla stabilità della disoccupazione (ma per i giovani è in crescita), risponde la percentuale in calo degli inattivi con conseguente crescita degli occupati. Di contro, sono i lavoratori a tempo determinato che diminuiscono. Insomma, non c’è luce senza ombra, non c’è pro senza contro.

E’ dello 0,6% la percentuale di crescita delle persone che cercano lavoro, mentre la disoccupazione è in crescita tra gli uomini, fatta eccezione per la fascia che va dai 35 ai 49 anni. Mentre il tasso generale di disoccupazione rimane stabile (11,2%), è in aumento quello giovanile (33,1% +0,6 punti percentuali). Il tasso di inattivi scende al 34% (-0,6%).

Per quanto riguarda l’occupazione, nel mese di aprile si è raggiunto il record storico di 23 milioni e 200 mila, col il tasso che si è attestato al 58,4%. L’aumento maggiore nel mese di aprile si è verificato nell’ambito femminile, con una crescita di +52 mila; sono in aumento gli indipendenti (+60 mila) e i dipendenti a termine (+41 mila), in diminuzione invece i permanenti (-37 mila).

Maria Elena Boschi ha esultato su Twitter per queste cifre: “Nonostante il jobs act sia stato ferocemente criticato, le cifre parlano chiaro: gli oltre 23 milioni di occupati sono un record storico per il paese. Auguro buon lavoro al governo che verrà”.

300x250

Recommended For You

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *