Voucher lavoro, un incentivo al ‘lavoro nero’

I voucher lavoro stanno diventando sempre di più un modo per incentivare le aziende al lavoro nero: è quanto emerge da una recente ricerca, dopo il boom di voucher attraverso i quali le aziende – specialmente nel settore del turismo e del commercio – sono solite pagare i collaboratori, spesso evitando (proprio grazie al voucher) di prendere posizione in merito ad assunzione e contratti.

Voucher lavoroIn alcune città, negli ultimi anni (in particolare sono stati analizzati gli ultimi quattro anni) è emerso un aumento di richieste voucher da parte delle aziende: si è giunto, dal 2012 al 2015, ad un incremento notevole di vendita di buoni lavoro, in particolare dai dai 79.802 del 2012 ai 568.422 del 2015.

Questo è sicuramente un caso importante, che va a sottolineare una tendenza destinata a crescere sempre di più. Infatti, il buono-lavoro o voucher, sta diventando un sistema sbagliato di pagamento del lavoro, che non è più dedicato solamente al lavoro accessorio, ma sta sempre più riguardando anche altri tipi di impiego, con un aumento decisivo della precarizzazione del lavoro.

Ma il problema non è solo questo. Infatti, usufruendo di continuo di questi voucher, si crea una discrepanza anche nel settore delle pensioni: “Se uno dovesse essere pagato sempre con i voucher, dovrebbe lavorare 126 anni per poter avere una pensione di 673 euro al mese. Questo perché il versamento contributivo è del 13%, rispetto al 27% previsto per gli altri contratti.“, è quanto emerge. Il che è tutto in positivo solo per il datore di lavoro, ma non per il collaboratore, che non può in alcun modo percepire assegni familiari, maternità ed ammortizzatori sociali.

300x250

Recommended For You

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *