Nonostante la fine del Quantitative Easing, i tassi dei mutui continuano a scendere

Mutui casaChi si aspettava che, dopo la fine del Quantitative easing annunciata dalla Bce, i tassi sui mutui sarebbero aumentati si sbagliava di grosso. Invece, a sorpresa, il costo dei prestiti per acquistare casa continua la sua parabola discendente. Secondo alcune rilevazione, a fine giugno il tasso sui mutui si è ulteriormente ribassato, attestandosi all’1,81% per quanto riguarda quello fisso e allo 0,79% per quanto concerne quello variabile.

Euribor ed Eurirs, parametri di riferimento di entrambi, mandano ancora segnali positivi per chi deve chiedere un mutuo: l’Eurirs a 20 anni segna l’1,46% e quello a 30 l’1,53% (a maggio erano 1,55% e 1,49%). Invece l’Euribor nel mese di giugno ha segnato il suo  minimo storico, perdendo lo 0,37%. Un parametro visto però al rialzo a causa della previsione sulla crescita inflazionistica nell’eurozona.

Sono aumentate le surroghe nel secondo trimestre 2018 (50,6% rispetto al 46,9% del primo trimestre); in calo invece sono gli acquisti prima casa (39,7% contro il precedente 42,5%).

Quasi alla pari viaggiano le erogazioni delle due surroghe e dell’acquisto prima casa. Chi richiede per la prima volta un mutuo o sostituisce quello già in essere, 8 volte su dieci opta per il tasso fisso: la domanda è dell’82,5%, le concessioni un valore leggermente più alto (84,4%). In questo ambiente molto favorevole, le banche stanno ottenendo tantissimi fidelizzazioni nei confronti dei clienti. Difficilmente il prossimo futuro sarà così roseo.

300x250

Recommended For You

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *