La Francia vuole aiutare il Libano: “Se crolla, pericoli per l’Europa”

libano

In una conferenza svoltasi oggi, la Francia ha annunciato l’intenzione di aiutare il Libano. Il paese è afflitto da un debito elevato e la nazione transalpina intende raccogliere dei fondi, assicurandosi poi che il denaro venga ben speso.

Durante la conferenza, il Primo Ministro libanese Saad Hariri ha parlato della triste situazione in cui versa il proprio paese, la cui stabilità economica è a forte rischio. “Non riguarda soltanto il Libano, ma l’intera regione” ha dichiarato. “Se crolla il Libano, l’eco potrebbe rimbalzare in tutto il Medio Oriente fino in Europa”. Jean-Yves Le Drian, ministro degli Esteri francese, ha aggiunto che “la Francia deve svolgere un ruolo primario per invertire questa tendenza”.

Con 41 paesi partecipanti, numerose organizzazioni internazionali e rappresentanti del settore privato, la conferenza non è propriamente mirata a raccogliere fondi nel senso stretto del termine, ma piuttosto mettere in atto un piano di investimenti da destinare alle infrastrutture, all’acqua e all’energia, delineare riforme strutturali e mobilitare il settore privato. E’ previsto inoltre l’adozione di un meccanismo di follow-up per accompagnare gli investimenti.

Hariri, sottolineando l’impatto che ha avuto la guerra civile in Siria, ha messo in evidenza che la crescita è scesa dall’8% a poco meno dell’1%. Il conflitto siriano ha, tra le altre cose, ostacolato le esportazioni verso la Giordania, l’Iraq ed i paesi arabi del Golfo ricchi di petrolio. Il Libano ospita 1,2 milioni di rifugiati, che rappresentano quasi un quarto della popolazione del paese.

300x250

No Responses

Leave a Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi