Alternanza scuola-lavoro: l’idea del ministro Giannini

Alternanza scuola-lavoro come possibilità di riscatto dei giovani

Sono migliaia i giovani che, al giorno d’oggi, si trovano costretti ad affrontare situazioni lavorative di precariato tali da non consentire loro una adeguata indipendenza ed autonomia economica – ma anche umana, sociale e personale – dalla famiglia. La situazione è abbastanza delicata: infatti, accade sempre più spesso che giovani laureati, seppur con votazioni molto alte e con alle spalle una carriera universitaria e post universitaria felice, debbano svolgere lavori che non gli competono per avere una loro indipendenza.

Alternanza scuola-lavoroPer affrontare al meglio questa situazione, la risposta più scontata sarebbe quella di fornire a questi giovani una opportunità di rilancio di sé stessi e delle loro esigenze non solo dal punto di vista lavorativo, ma anche della soddisfazione professionale. Nei giorni scorso, in una recente intervista rilasciata al Sole24ore, Stefania Giannino – ministro MIUR – ha affrontato la questione parlando di una possibile idea per migliorare questo aspetto: ovvero, la possibilità di consentire una più proficua alternanza scuola-lavoro per offrire ai giovani l’opportunità di arrivare più preparati sia all’esame di maturità sia al mondo del lavoro.

E proprio secondo questo obiettivo, ad autunno si parlerà di una nuova idea – la Carta dei diritti e doveri degli studenti – e verrà avviata la sperimentazione di questa alternanza, che potrà garantire ai giovani un avvicinamento al mercato del lavoro in tempi brevi.

300x250

Recommended For You

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *