Tasse, Padoan: “Ragioniamo quali altre tagliare”

Bruxelles concede all’Italia dei margini di flessibilità sui conti pubblici. Intanto Padoan ragiona su un ulteriore taglio delle tasse.

Tasse e prostituzione

“Bisogna valutare con attenzione come usare i margini di manovra fiscale. Anche perché non tutti i tagli delle tasse poi hanno gli stessi effetti sulla crescita e sull’occupazione, pertanto è su questo che dobbiamo ragionare”. Lo ha detto il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, intervenendo nel corso dell’assemblea Abi.

“L’andamento del Pil e del deficit, nonché la stabilizzazione del debito, sembrano indicare che la velocità del consolidamento del periodo ha dato i suoi frutti”, di conseguenza “dobbiamo continuare sulla strada che abbiamo percorso fino a questo momento”. La crescita è quindi la via maestra, e non quella del rigore a tutti i costi.

Pur avendo la famosa “coperta corta”, l’Italia si è rivelata in grado di potercela fare, di essere capace di abbattere il debito e di sostenere contemporaneamente la crescita.

Intanto, nelle ultime ore la Commissione Ue ha reso nota la sua approvazione a un aggiustamento di bilancio “inferiore a quanto prescritto dalla matrice della flessibilità, purché coerente con l’impegno di ridurre il debito pubblico”. Da parte di Bruxelles arriva quindi un primo ok a una maggiore flessibilità per l’Italia. Flessibilità che Padoan ha tutta intenzione di indirizzare su un ulteriore taglio delle tasse.

300x250

Recommended For You

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *